30 settembre 2014

99 seggi in 42 paesi per i lettoni che votano all’estero nelle prossime politiche

Per le elezioni di sabato 4 ottobre record di aperture dei seggi in ambasciate e consolati. Vi potranno votare tutti quelli che si trovano all’estero, residenti e non.

Foto Leta
Sarà il più alto numero di seggi all’estero di sempre, quello che le ambasciate e i consolati di Lettonia metteranno a disposizione dei propri cittadini all’estero per le elezioni politiche del prossimo 4 ottobre. Continua a leggere

29 settembre 2014

Alla scoperta dei castelli della Lettonia: Rundāle, Bauska e Jelgava

Prosegue il viaggio di Baltica nei castelli e siti storici più interessanti della Lettonia. Oggi andiamo in Zemgale a Rundāle, Bauska e Jelgava.

Il castello di Rundāle

Il palazzo di Rundāle

I castelli della Lettonia. Un tesoro ancora tutto da scoprire, e in alcuni casi anche da ricostruire. Ma negli ultimi anni nel paese baltico è cresciuta molto l’attenzione e la cura nei confronti dei castelli e dei siti di valore storico della Lettonia. Noi proviamo a presentarvene alcuni: Continua a leggere

26 settembre 2014

Il presidente lettone Bērziņš all’Onu: “La Russia minaccia la sicurezza in Europa”

Il capo di stato lettone nel suo discorso all’Assemblea generale ha affermato che il Cremlino ha un ruolo fondamentale per la stabilità nel continente, ma deve essere una parte della soluzione, non la causa del problema.


Il presidente lettone Andris Bērziņš è intervenuto ieri all’Assembla generale dell’Onu con un discorso in cui ha sottolineato la minaccia che costituisce oggi in Europa e nel mondo la politica estera della Russia, che per il ruolo che le compete nella regione dovrebbe cercare di porsi come un soggetto fondamentale per la stabilità e la sicurezza in Europa. Continua a leggere

26 settembre 2014

Liene in Iraq: storia di una lettone in missione per l’Onu

Da un anno in Kurdistan, dove lavora per l’Alto commissariato dell’Onu per i rifugiati. Liene parla della sua esperienza in paesi difficili. Da un’intervista di Santa Kvaste per Tvnet.lv

Didascalia: Liene in compagnia di una donna rifugiata dalla Siria. "Non sapevo che il fotografo avesse catturato il momento in cui la donna, che aveva appena attraversato il confine giungendo in Kurdistan con il marito invalido, mi stava ringraziando per averli aiutati a sbarcare e accompagnati sulla collina portando i loro bagagli". [Archivio personale di Liene]

Liene in compagnia di una donna rifugiata dalla Siria. “Non sapevo che il fotografo avesse catturato il momento in cui la donna, che aveva appena attraversato il confine giungendo in Kurdistan con il marito invalido, mi stava ringraziando per averli aiutati a sbarcare e accompagnati sulla collina portando i loro bagagli”. [Archivio personale di Liene]


In una recente intervista rilasciata alla BBC, Liene, 32 anni, da un anno residente in Iraq, ha affermato: “Ho dovuto vivere un anno in Iraq per rendermi conto di quanto sia bella la Lettonia”. Continua a leggere

25 settembre 2014

Elezioni lettoni: sarà Inguna Sudraba ad aprire ai russofoni le porte del governo?

I russofoni di Saskaņa in testa ai sondaggi per Latvijas Fakti. Ma la novità è l’avanzata di No sirds Latvijai, possibile alleata per far entrare per la prima volta al governo il partito russofono. E poi c’è sempre l’oligarca Lembergs…

Inguna Sudraba insieme all'ambasciatore russo a Riga, Aleksandr Vesnjakov

Inguna Sudraba accanto all’ambasciatore russo a Riga, Aleksandr Vesnjakov.

Mancano ormai pochi giorni alle elezioni politiche in Lettonia (il prossimo 4 ottobre) e gli ultimi sondaggi rendono molto incerta la previsione su come sarà formata la nuova Saeima, il parlamento. Il sondaggio pubblicato in questi giorni da Latvijas Fakti rivela un calo dei due principali partiti, Saskaņa e Vienotība, coi russofoni però saldamente in testa, e la novità del molto probabile ingresso nella nuova assemblea del partito di Inguna Sudraba “No sirds Latvijai”, che potrebbe ribaltare gli equilibri di forza nella Saeima. Continua a leggere

25 settembre 2014

E’ un lettone, il ricercato numero uno della polizia a Londra, per la scomparsa di una ragazzina

L’operazione di ricerca più vasta di Scotland Yard dalla strage di Londra del 2005. Il ricercato è Arnis Zaļkalns, già condannato per omicidio in Lettonia e poi trasferitosi in Gran Bretagna. E’ il principale sospettato per la scomparsa della quattordicenne Alice Gross.

L’immagine che da giorni è sulle prime pagine dei giornali inglesi: Zaļkalns e  Alice Gross.

Migliaia di agenti di polizia inglese e una ricompensa di 20 mila sterline per favorire la cattura di un cittadino lettone che in queste ultime settimane è diventato il ricercato numero uno in tutta la Gran Bretagna. Arnis Zaļkalns è infatti il principale sospettato per la scomparsa a Londra, lo scorso 28 agosto, della quattordicenne Alice Gross. Continua a leggere

24 settembre 2014

Nel novembre 2015 riaprirà il Castello di Riga restaurato

Soddisfatto il direttore dei restauri Imants Lancmanis. L’incendio del giugno 2013 ha complicato le cose, ma adesso i lavoro procedono più speditamente. Molte novità anche nelle sale interne al palazzo.


Il castello di Riga dovrebbe tornare ad ospitare la presidenza della Repubblica lettone dal novembre del 2015, fra un anno. Questa è la scadenza fissata dal direttore dei lavori di restauro Imants Lancmanis. Continua a leggere

23 settembre 2014

La Stūra māja, la vecchia sede del KGB, potrebbe restare aperta al pubblico

La chiusura è prevista fra un mese, ma il ministero della cultura lettone cerca le risorse per mantenere l’apertura anche nei mesi invernali, visto il grande successo di visitatori dell’edificio dove il KGB imprigionava e torturava i dissidenti.

Foto via Diena.lv
Servono 20 mila euro per opere di manutenzione e 10 mila euro al mese per tenere aperta l’ex sede del KGB a Riga, la Stūra māja, la “casa d’angolo” come da sempre la chiamano i lettoni, perché situata proprio all’angolo fra Brīvības e Stabu iela.

Continua a leggere

23 settembre 2014

La Lettonia cerca acquirenti per “Latvijas Gāze” negli Stati Uniti

Il presidente lettone Andris Bērziņš ha incontrato imprenditori del settore del gas in America: i tedeschi di Ruhrgas vogliono vendere il loro 47%, i lettoni vogliono evitare finiscano in mani russe.


Il presidente lettone Andris Bērziņš ha incontrato negli Stati Uniti alcuni dei principali imprenditori del settore del gas e ha parlato con loro della possibilità della vendita delle azioni di “Latvijas Gāze” (LG) in America. Lo ha rivelato al programma “900 sekundes” l’addetta stampa della presidenza Līga Krapāne. Continua a leggere

22 settembre 2014

I tanti misteri sulla cattura dell’agente estone ai confini con la Russia

Perché il miglior agente dei servizi segreti estoni si trovava al confine con la Russia? Forse un appuntamento con un informatore. Ma chi lo ha tradito? 

Eston Kohver in tribunale a Mosca (foto Reuter)

Eston Kohver in tribunale a Mosca (foto Reuter)

Sono passate più di tre settimane dal rapimento – cattura dell’ufficiale dei servizi segreti estone Eston Kohver da parte del controspionaggio russo alle frontiere fra i due paesi, e ancora sono molte le ipotesi su quello che è veramente successo, e sui motivi per cui Kohver si trovava in quella zona. Continua a leggere

22 settembre 2014

La foto del giorno: una cicogna a passeggio per Rēzekne

La cicogna è l’animale simbolo delle estati in Lettonia, dove passa la stagione calda. Ma vederlo per le strade di una città è piuttosto singolare

Foto: Raitis Puriņš, Dienas mediji

Una cicogna a spasso per le vie di Rēzekne, il capoluogo del Latgale, la regione nel sud est della Lettonia. Mentre molte sue compagne hanno già lasciato il paese baltico per svernare in Africa, questa sembra ancora indugiare, e prima di lasciare la Lettonia ha deciso di farsi un giro in città. Continua a leggere

20 settembre 2014

Alla scoperta dei castelli della Lettonia: Dundaga, Durbe e Jaunpils

Prosegue il viaggio di Baltica nei castelli e siti storici più interessanti della Lettonia. Oggi visitiamo quelli di Dundaga, Durbe e Jaunpils.

Il castello di Dundaga

I castelli della Lettonia. Un tesoro ancora tutto da scoprire, e in alcuni casi anche da ricostruire. Ma negli ultimi anni nel paese baltico è cresciuta molto l’attenzione e la cura nei confronti dei castelli e dei siti di valore storico della Lettonia. Noi proviamo a presentarvene alcuni: oggi… Continua a leggere

19 settembre 2014

Gli Stati Uniti inviano in Lettonia carri armati e mezzi blindati

Per la prima volta in territorio lettone carri armati Nato saranno impiegati per esercitazioni militari. Intanto Nato ed UE non commentano la presunta frase di Putin: “Posso prendere Varsavia e Riga in due giorni”.


Gli Stati Uniti invieranno in Lettonia il prossimo ottobre quattro carri armati e dodici veicoli da combattimento, insieme a 150 militari, per rafforzare le difese del paese baltico. Lo ha riferito il ministero della difesa lettone. Continua a leggere

18 settembre 2014

Putin: “Potrei occupare Riga, Vilnius e Tallinn in due giorni, se volessi”

I media tedeschi rivelano la frase del capo del Cremlino, che proseguirebbe nel suo tentativo intimidatorio, in risposta alle nuove sanzioni della UE.

Foto Epa Leta
È la volta dei paesi baltici. Due settimane fa Putin, in una telefonata con il Presidente della Commissione Europea Barroso, avrebbe detto che, se solo volesse, non ci metterebbe molto a occupare Kiev. Continua a leggere

18 settembre 2014

Il Mar Baltico sta morendo

Un sesto del mar baltico è morto. Lo affermano i biologi marini che stanno monitorando lo stato delle coste e dei fondali

Photo: Jānis Krumiņš, from TVNET.lv

Photo: Jānis Krumiņš, from TVNET.lv

Le cosiddette “zone morte” sono un problema di molti mari a livello globale, che si presenta particolarmente serio nell’ecosistema baltico. I dati, rilevati dai biologi marini che studiano il fenomeno a livello globale, sono stati pubblicati con recente articolo dalla rivista americana Science. Continua a leggere

17 settembre 2014

Alla scoperta dei castelli della Lettonia: Ēdole e Ventspils

Prosegue il viaggio di Baltica nei castelli e siti storici più interessanti della Lettonia. Oggi andiamo in Kurzeme, a Ēdole e Ventspils.

Ēdoles pils

Ēdoles pils

I castelli della Lettonia. Un tesoro ancora tutto da scoprire, e in alcuni casi anche da ricostruire. Ma negli ultimi anni nel paese baltico è cresciuta molto l’attenzione e la cura nei confronti dei castelli e dei siti di valore storico della Lettonia. Noi proviamo a presentarvene alcuni: oggi Ēdoles pils e Ventspils pils. Continua a leggere

17 settembre 2014

Sondaggio: quanto serve per vivere con tranquillità in Lettonia? Mille euro al mese

Questo è quanto hanno risposto in media gli intervistati in un sondaggio diffuso dall’agenzia SKDS. Lo stipendio medio nel paese baltico è di 762, in leggero aumento rispetto al 2013.

-44039677
Quanto si deve guadagnare in Lettonia per poter vivere tranquilli ed arrivare senza ansie a fine mese? Circa 1000 euro secondo gli intervistati in un sondaggio appena pubblicato dall’agenzia SKDS. Continua a leggere

16 settembre 2014

Mosca: “Non accettiamo l’attacco alla lingua russa in atto nei paesi baltici”

Kostantin Dolgov, plenipotenziario del ministero degli esteri per i diritti umani, accusa Lettonia ed Estonia di violare i diritti delle minoranze russofone sull’uso della lingua russa

Foto Leta
La Russia non può accettare la situazione delle minoranze russofone nei baltici, in particolare in Estonia e Lettonia. E’ quanto afferma il plenipotenziario per i diritti umani del ministero degli esteri russo  Konstantīn Dolgov. Continua a leggere

16 settembre 2014

Il film di animazione “Akmeņi manās kabatās” correrà per la Lettonia all’Oscar

Lo ha deciso la commissione istituita dal ministero della cultura. La regista e illustratrice Signe Baumane racconta la storia di cinque donne che cercano di scampare alla pazzia della vita.

Il trailer del film nella versione in inglese

Il ministero della cultura lettone ha reso noto il nome del secondo film che ha ottenuto la nomination all’Oscar del cinema. Si tratta del film di animazione “Akmeņi manās kabatās” (Pietre nelle mie tasche), della regista, illustratrice e sceneggiatrice Signe Baumane. L’altro film in corsa per rappresentare la Lettonia all’Oscar era la commedia “Džimlai Rūdi Rallalā” di Māris Putniņš e Jānis Cimermans. Continua a leggere

15 settembre 2014

Una holding americana per Citadele Banka, ma la vendita si complica

Il governo lettone punta a cedere la proprietà della banca, nata dal fallimento di Parex, entro fine anno. Ma gli investitori americani hanno dimezzato l’offerta iniziale, che ora è di 63 milioni di euro.


Si complica la vendita della banca lettone “Citadele”, l’istituto bancario di proprietà pubblica nato dal fallimento di Parex Banka, che nel 2008 dette il via alla grave crisi economico finanziaria che investì il paese baltico. Continua a leggere

14 settembre 2014

Alla scoperta dei castelli della Lettonia: Turaidas pils

Comincia oggi il viaggio di Baltica in alcuni dei castelli e siti storici più interessanti della Lettonia. Grazie ai fondi europei e ai finanziamenti pubblici, cresce l’attenzione e la cura per questi luoghi.

Turaidas pils

Turaidas pils

I castelli della Lettonia. Un tesoro ancora tutto da scoprire, e in alcuni casi anche da ricostruire. Ma negli ultimi anni nel paese baltico è cresciuta molto l’attenzione e la cura nei confronti dei castelli e i luoghi che hanno caratterizzato la storia di questi territori fin dal medio evo. Continua a leggere

12 settembre 2014

Biblioteca Baltica: “Andriksons” di Rūdolfs Blaumanis in traduzione italiana

Biblioteca Baltica pubblica per la prima volta in versone italiana uno dei racconti più emblematici del grande drammaturgo lettone. La contesa fra nobili tedeschi e contadini lettoni sullo sfondo della Lettonia rurale di fine ottocento.

Rūdolfs Blaumanis

Rūdolfs Blaumanis

Rūdolfs Blaumanis, il più grande drammaturgo e narratore lettone, pubblicò il racconto “Andriksons” nel 1899.  Uscì prima nella versione tedesca, nel Rigasche Rundscahu a fine gennaio 1899, tradotta sempre da Blaumanis, che nella versione originale lettone.
Alcuni giorni dopo Blaumanis avrebbe dovuto presentare alla “Rīgas Latviešu biedrība” (la Società lettone di Riga) un saggio sul poeta Viktor von Andrejanov, ma non avendolo ancora completato decise quella sera di leggere nella versione lettone ancora inedita il suo nuovo racconto. Ebbe un grande successo. Continua a leggere

11 settembre 2014

La polemica dell’estate in Lettonia: il cuore bianco-celeste sopra la scritta Rīga.

Il sindaco Ušakovs ha deciso di modificare la scritta nelle strade d’accesso alla città, scatenando le proteste di molti cittadini, che lo accusano di sostituire progressivamente i simboli e i colori lettoni nella capitale.

Foto Leta
Una delle polemiche più accese di questa estate in Lettonia è stata certamente quella che ha riguardato la scritta “Rīga” che si trova a caratteri cubitali nelle strade ai confini di ingresso della città. Questa estate il comune ha deciso di trasformare la ī di Rīga, sostituendo il trattino sopra la vocale che ne indica la lunghezza, in un cuore colorato di bianco e celeste. Continua a leggere

10 settembre 2014

L’ex premier lettone Valdis Dombrovskis nuovo Commissario per l’euro e vicepresidente della Commissione

La Lettonia non aveva mai ottenuto un ruolo di tale importanza e influenza all’interno delle istituzioni europee. Una scheda di Valdis Dombrovskis, fautore della disciplina fiscale.

Valdis Dombrovskis

Valdis Dombrovskis

Il neo presidente della Commissione europea Juncker ha definito oggi la lista dei nuovi commissari che subentreranno a quelli attuali in scadenza di mandato. Per l’ex premier lettone e attuale eurodeputato Valdis Dombrovskis, che era stato in corsa già per la presidenza della Commissione e poi del Consiglio d’Europa, un ruolo importante: quello di Commissario per l’euro e il dialogo sociale e uno dei sei posti da vicepresidente. Continua a leggere

10 settembre 2014

E’ l’ucraina KVV Group la nuova proprietaria delle acciaierie di Liepāja

Il gruppo ucraino ha battuto la concorrenza finale del magnate russo Shamis. L’offerta d’acquisto è di 107 milioni. Si prevede il ritorno alla produzione già quest’anno.

Foto Leta
Dopo quasi un anno dalla dichiarazione di insolvenza e dallo stop alla produzione, le acciaierie Liepājas metalurgs, uno dei maggiori colossi della siderurgia europea, ha trovato un nuovo proprietario. Continua a leggere

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 363 follower