Vaira Vīķe-Freiberga: “Donald Trump fa paura.”

L’ex presidente lettone esprime tutta la preoccupazione che si avverte in Lettonia sull’eventualità che Donald Trump venga eletto presidente dagli americani il prossimo 8 novembre. “Assomiglia al personaggio della Fattoria degli Animali di Orwell”.


L’ex presidente letyone Vaira Vīķe-Freiberga, personalità tuttora molto popolare e ascoltata nel paese baltica, in una intervista al canale TV3 non ha nascosto il suo forte timore sulla eventualità che il prossimo 8 novembre gli americani possano scegliere Donal Trump come loro nuovo presidente.

Non è un mistero che nei paesi baltici si tifi per Hillary Clinton, specie dopo il forte smarcamento dalla posizioni di difesa dei confini orientali della Nato annunciato in campagna elettorale da Trump e dai suoi continui ammiccamenti nei confronti di Putin e del Cremlino. Clinton è sentita in Lettonia come una figura molto più stabile e affidabile, soprattutto nel campo dei rapporti internazionali.

“Ho molta paura per l’esito delle elezioni americane, se volete la mia sincera opinione”, ha affermato Vaira Vīķe-Freiberga nell’intervista a TV3.
L’ex presidente lettone ritiene che queste elezioni siano molto diverse da quelle precedenti negli Stati Uniti. Nelle precedenti elezioni i due partiti, repubblicao e democratico, avevano scelto candidati simili per capacità e competentze, con differenze soprattutto in termini ideologici. Questa volta non esiste fra i due candidati, Clinton e Trump, una sostanziale parità a livello di competenze e qualità della candidatura, ovviamente a scapito di Donald Trump.

“Siamo onesti, la signora Clinton – prosegue Vaira Vīķe-Freiberga – ha esperienza a tutti i livelli dell’amministrazione. Se parliamo di esperienza e di comprensione di come funzionano il governo e l’amministrazione, e quali sono le relazioni con gli altri paesi, non c’è stata una candidata con maggiore esperienza della Clinton. Tutto il resto è un fattore soggettivo di giudizio.”

Riguardo alla recente affermazione di Trump, sul fatto che accetterà il risultato delle elezioni solo se le vincerà, l’ex presidente lettone ha ricordato una vicenda analoga accaduta in Kirgizistan, dove era andata per partecipare ad una conferenza internazionale. In quell’occasione il leader di un partito locale pronunciò una frase analoga, rispondendo alla domanda su come si organizzano delle elezioni democratiche: “Se non vincerò, vuol dire che quelle elezioni non sono state pulite, perché tante persone hanno promesso di votare per me”.
L’ex presidente lettone ha ricordato quella vicenda, sostenendo che una frase come quella riteneva possibile ascoltarla solo in un paese con una scarsa tradizione democratica, ma non si aspettava certamente di sentirla pronunciare anche da un candidato alla Casa Bianca.

“Se Trump considera così poco la democrazia americana, allora ho paura che agirà nello stesso modo una volta eletto: quello che mi serve lo faccio, ciò che non mi serve non lo faccio. Ma il principio basilare di ogni democrazia è rispettare le leggi, e che tutti di fronte alla legge sono uguali. Trump ricorda il personaggio della “Fattoria degli animali” di Orwell (il maiale Napoleone, nrd): tutti gli animali sono uguali ma alcuni sono più uguali degli altri”.

2 Trackbacks to “Vaira Vīķe-Freiberga: “Donald Trump fa paura.””

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: