Incontro a Roma fra i ministri degli esteri di Italia e Lettonia

La preparazione del Summit della Nato a Varsavia, la sicurezza, il futuro della UE e l’immigrazione, i temi discussi da Edgars Rinkēvičs e Paolo Gentiloni alla Farnesina.


Molti i temi in agenda nell’incontro fra i vertici delle diplomazie di Italia e Lettonia, svoltosi oggi a Roma: su tutti la preparazione del prossimo Summit della Nato, in programma a Varsavia, e i temi legati alla sicurezza e al futuro della UE, fino alla questione più calda di questi mesi, l’immigrazione. Non poteva in ogni caso mancare dall’agenda del vertice italo-lettone la questione della Brexit.

Il ministro degli esteri lettone Rinkēvičs si è detto fiducioso non solo sui risultati del referendum sulla Brexit, ma anche riguardo alle prossime sfide che attendono la UE nei suoi confini meridionali e orientali, in relazione soprattutto al tema dell’immigrazioine.
“Indipendentemente dal risultato del referendum sull’uscita della Gran Bretagna dalla UE, è già chiaro che questo referendum influenzerà la discussione sul futuro comune dell’Unione Europea. La Lettonia, a prescindere dal risultato del referendum sulla Brexit, è intenzionata a partecipare e a lavorare attivamente e costruttivamente per lo sviluppo delle politiche comuni dell’Unione Europea anche nel prossimo futuro” ha sottolineato Rinkēvičs.

Riguardo al tema dell’immigrazione, Rinkēvičs ritiene particolarmente importante il monitoraggio dei flussi migratori in ogni direzione, per avere la possibilità di reagire in fretta quando è necessario. “La Lettonia – sostiene Rinkēvičs – apprezza molto gli sforzi dell’Italia per la risoluzione della crisi dell’immigrazione, noi sosteniamo l’Italia, partecipanto alle operazioni di Frontex, all’ufficio europeo per il sostegno all’asilo, e nel trasferimento dei richiedenti asilo. Il principio più importante per la Lettonia nel trasferimento dei richiedenti asilo è quello della volontarietà, per questo non sosteniamo l’idea di un meccanismo automatico di trasferimento degli immigrati”.

Rinkēvičs ha anche sottolineato l’interesse di Lettone e della UE in generale nel riuscire a far sì che la Russia si astenga da ulteriori violazioni delle norme internazionali, che minacciano la sicurezza e la stabilità in Europa.

Il ministro degli esteri lettone ha espresso la speranza che il capo dello stato italiano, Mattarella, possa venire in visita ufficiale in Lettonia.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: