Sono giunti in Lettonia i primi profughi dalla Grecia

Sono sei persone, due famiglie con bambini, provenienti da Eritrea e Siria. Vivranno nel centro di Mucenieki. In tre mesi la risposta sulla richiesta d’asilo. Nelle prossime settimane previsti altri arrivi.


Dopo che nei giorni scorsi su tutti i media lettoni era rimbalzata la notizia che nessun profugo, fra quelli che si trovano in Grecia e Italia aveva richiesto la Lettonia come destinazione finale, nel fine settimana è giunta la notizia dell’arrivo di due famiglie, una eritrea, l’altra siriana, in Lettonia.

I sei nuovi arrivati, di cui due bambini, sono i primi del 531 rifugiati, che la Lettonia ha accettato di ricevere in base all’accordo di Bruxelles in relazionale alle quote sulla distribuzione dei richiedenti asilo che sbarcano sulle cose greche e italiane.

La notizia dell’arrivo delle due famiglie di rifugiati ha ricevuto grandi attenzioni sui media lettoni. LTV1, il primo canale della televisione pubblica, sabato mattina ha trasmesso un’edizione speciale sull’arrivo dei sei rifugiati nel centro di accoglienza di Mucenieki, alle porte di Riga.

La sottosegretario agli interni Ilze Pētersone-Godmane, che segue in prima persona la questione dei rifugiati in Lettonia, ha fornito ai media alcune informazioni sulle due famiglie: la famiglia eritrea è composta da un padre che si occupa di management alberghiero e parla correntemente l’inglese, da una madre che di mestiere fa la parrucchiera, e un bambino in età prescolare. La famiglia siriana è composta da un padre che in Siria si occupava di abbigliamento, da una madre infermiera e un bambino, anch’esso in età prescolare. Nesuno di loro parla l’inglese.

Le due famiglie rispettano le “caratteristiche” che la Lettonia ha sempre chiesto per ospitare i rifugiati: famiglie con bambini, che siano disposte a vivere e lavorare in Lettonia.

Le due famiglie hanno espresso la volontà di imparare la lingua lettone e considerano la Lettonia il loro paese finale di destinazione, e non un punto di appoggio per poi trasferirsi in altri paesi europei più grandi.

La Ilze Pētersone-Godmane ha spiegato ai media che queste sono state le prime due famiglie a cui i funzionari lettoni hanno sottoposto direttamente la domanda se volessero trasferirsi in Lettonia. Le due famiglie hanno risposto positivamente, e nei giorni precedenti il trasferimento hanno cominciato a cercare notizie ed informazioni sul paese baltico.

La sottosegretario agli interni non ha chiarito quando altre famiglie di richiedenti asilo giungeranno in Lettonia. Nei prossimi due anni la Lettonia si è impegnata ad ospitare 531 rifugiati proveniente da Grecia e Italia, mentre non è ancora certo che altri 270 rifugiati fra quelli attualmente in Ungheria faranno parte di una quota ulteriore che il paese baltico accetterà di ospitare.

Altri profughi dovrebbero arrivare in Lettonia entro un mese. Il ministero degli interni lettone afferma che arriveranno scaglioni di piccoli gruppi per volta, non più di una decina. Il tempo previsto per la valutazione della richiesta d’asilo rispetto ad altri paesi europei dovrebbe essere molto breve: circa tre mesi.

Nelle stesse ore in cui le due famiglie di rifugiati iniziavano la loro nuova vita in Lettonia, nel paese baltico come nel resto dell’Europa del nord, si è svolta una manifestazione contro l’arrivo dei profughi.
A Riga circa 200 manifestanti si sono riuniti di fronte al monumento alla libertà per chiedere non solo di chiudere le frontiere all’ingresso dei rifugiati in Lettonia, ma anche l’uscita del paese baltico dall’Unione Europea. Nel corso della manifestazione una giornalista della radio lettone è stata presa a spintoni da alcuni manifestanti.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: