A che punto è la crisi di governo in Lettonia?

Oggi il capo dello stato Vējonis rientra a Riga e assumerà l’iniziativa con una serie di colloqui diretti coi possibili candidati. Fra i nomi quello del ministro delle finanze Reirs.

Jānis Reirs, uno dei possibili candidati premier

Jānis Reirs, uno dei possibili candidati premier

Aveva programmato vacanze più lunghe, il presidente lettone Raimonds Vējonis, ma ha dovuto accorciarle al 6 gennaio per rientrare a Riga e tentare di risolvere finalmente la crisi di governo, apertasi ormai un mese fa, il 7 dicembre con le dimissioni di Laimdota Straujuma.

Vējonis già prima della fine dell’anno aveva preannunciato una iniziativa diretta per risolvere la crisi, constatando l’incapacità dei partiti, ed in particolare di Vienotība, a cui spettava il ruolo principale, nell’indicare una candidatura in grado di formare il nuovo governo ed ottenere la fiducia del parlamento.

Vienotība è sostanzialmente rimasta ancorata alla candidatura della sua presidente Solvita Āboltiņa, che però non trova un sostegno unitario neanche all’interno del proprio partito, ed è osteggiata anche dalla premier uscente Straujuma. Ma soprattutto la candidatura di Āboltiņa ha trovato l’ostacolo, che pare insormontabile, del no di Nacionālā apvienība, indisponibile a votare la fiducia ad un governo guidato da lei.

Vējonis ha provato a tendere la mano a Vienotība evitando di dare l’incarico ad Āboltiņa, incarico destinato ad un probabile insuccesso, e spingendo di fatto il partito a fare un altro nome. Un altro nome che non è arrivato e per questo il capo dello stato proverà a sondare direttamente possibili candidati, partendo proprio da Vienotība. Al momento candidature da parte degli altri due partiti dell’attuale coalizione di centro destra, ZZS e Nacionālā apvienība sono in secondo piano.

Fra i nomi più che si sono fatti in questi giorni, il più tirato in ballo è quello del ministro delle finanze Jānis Reirs. Reirs è un politico di lunga esperienza, deputato dal 2002, è stato già ministro delle telecomunicazioni nel governo Kalvītis dal 2004 al 2006 ed ha assunto il ministero dell’economia nell’ultimo governo Straujuma, dal novembre del 2014 ad oggi, succedendo ad Andris Vilks, storico ministro delle finanze del periodo del consolidamento e dell’uscita dalla crisi della Lettonia negli anni 2009 – 2014.

Reirs ha fatto un buon lavoro nell’anno in cui ha assunto la guida dell’economia lettone, proseguendo in sostanza il lavoro lasciato da Vilks e mantenendo l’economia lettone su buoni livelli di crescita. Ma il suo nome non trova consensi unanimi. Proprio in queste ore l’associazione degli imprenditori lettoni ha pubblicamente dichiarato la propria contrarietà ad un incarico a Reirs, giudicandolo poco in grado di comunicare in particolare con il mondo imprenditoriale.

La scarsa capacità di comunicazione di Reirs potrebbe essere un fattore negativo per un suo possibile incarico, anche se il suo nome appare al momento in testa nella lista dei possibili candidati che Vējonis convocherà nelle prossime ore.

Fra gli altri possibili nome, sembrano avere poche chance quelli fatti nei giorni scorsi, dell’eurodeputato Artis Pabriks e dell’ex commissario UE Andris Piebalgs. Entrambi hanno già detto di non essere disponibili ad un tale incarico.
Se non andasse in porto la candidatura di Reirs, un altro nome possibile è quello dell’attuale sindaco di Cēsis Jānis Rozenbergs, nome sostenuto anche dalla premier Straujuma, che subito dopo le sue dimissioni aveva invitato il partito a guardare nelle regioni e negli enti locali, alla ricerca di nuove leve per guidare il partito e l’esecutivo.
Rosenbergs sarebbe sostenuto anche dagli imprenditori, che insieme al suo nome hanno fatto anche quello del sindaco di Salaspils, Raimonds Čudars.

Nelle prossime ore con i colloqui diretti del presidente Vējonis ne sapremo di più. E’ tempo di decisioni, se il capo dello stato vuole mantenere la promessa di dare un nuovo governo alla Lettonia prima della fine di gennaio.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: