Sondaggio sui partiti in Lettonia: sempre in testa Saskaņa e ZZS

Il partito russofono al 20%, il partito degli agricoltori al 15%. Continua la discesa di Vienotība, colpita anche dall’addio di Zaķis dopo lo scandalo dei voti comprati nelle scorse elezioni.


Non cambia molto lo scenario politico lettone dopo la pubblicazione dell’ultimo sondaggio di ottobre sul gradimento dei partiti politici in Lettonia, pubblicato da Latvijas Fakti. I russofoni di Saskaņa mantengono il primo posto con il 20%, mentre ZZS ormai si conferma come il secondo partito nel paese col 15%.

In realtà Saskaņa rispetto ai sondaggi del mese precedente perde circa l’1%, al contrario di ZZS che è l’unico fra i partiti principali a guadagnare qualcosa, lo 0,5%.
Il calo di Saskaņa è probabilmente dovuto anche ad una serie di scandali e polemiche che hanno coinvolto in particolare il comune di Riga, guidato dal leader del partito russofono, Nils Ušakovs. Non è stata certo una buona notizia per il sindaco di Riga essere stato inserito nella lista di responsabili morali della tragedia del supermercato Maxima dell’ottobre del 2013 dalla commissione parlamentare che indaga sulla vicenda, insieme al direttore dell’ufficio edilizia del comune di Riga, Inguss Vircavs.

Fra i responsabili morali individuati dalla commissione ci sono ache l’ex premier Valdis Dombrovskis (Vienotība) che si era dimesso dalla sua carica un mese dopo il crollo del supermercato, l’ex ministro dell’economia Daniels Pavļuts e i suoi sottosegretari dell’epoca, Anrijs Matīss e Juris Pūce (oggi passato a Latvijas attīstībai).

Ma la caduta nei sondaggi di Vienotība, che oggi è al 7,2%, più che dalle conclusioni della commissione di inchiesta sul crollo del supermercato, alle divisioni interne al partito, ormai spaccato in almeno due fazioni, e dall’incertezza sulla posizione da tenere in diverse questioni, a partire da quelle sulla recente legge sulla moralità. Anche i buoni risultati dell’economia non sembra servire poi molto sul piano del gradimento popolare del governo Straujuma, alle prese con le proteste di alcune categorie, come insegnanti e medici, per motivi salariali.

Non ha contribuito poi alla popolarità di Vienotība lo scandalo dei voti comprati in Latgale, durante le ultimi elezioni politiche svoltesi un anno fa. Le accuse di compravendita di voti hanno toccato in particolare uno degli esponenti principali del partito, Dzintars Zaķis, che ha ricoperto in passato anche il ruolo di capogruppo alla Saeima.

Alcune settimane fa una persona è stata condannata dal tribunale di Rēzekne, dopo la sua confessione di aver cmprato alcuni voti nella sua circoscrizione a favore di Zaķi.
Il deputato di Vienotība, sostanzialmente scaricato dai collegh di partito, ha deciso di lasciare il partito, anche se manterrà la carica di deputato.

Nei sondaggi di Latvijas Fakti, Vienotība è stata scavalcata anche da Visu Latvijai! che adesso è al 7,9%.
Nessun altro partito oggi supererebbe la soglia di sbarramento del 5%: per Latvijas Reģionu apvienība (LRA) voterebbero oggi il 4,4% dei lettoni, mentre No sirds Latvijai (NSL), il sesto partito rappresentato oggi nella Saeima, si fermerebbe al 2%.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: