La partita di calcio fra i parlamentari e i profughi in Lettonia

Un’iniziativa per sensibilizzare l’opinione pubblica lettone sul tema dell’accoglienza, alla vigilia dell’arrivo dei primi dei 500 profughi stabiliti dalle quote UE per il paese baltico.

Foto Evija Trifanova - Leta
Una partita di calcio nel piccolo campetto di Mucenieki, dove si trova il principale centro di accoglienza per rifugiati in Lettonia. Una partita per lottare contro i pregiudizi e per valorizzare l’accoglienza, quella disputata fra una selezione di deputati lettoni e una squadra formata dai rifugiati e richiedenti asilo ospiti del centro di accoglienza.

Un’iniziativa molto importante, in un momento in cui la polemica sulle quote di accoglienza dei profughi in Lettonia è ancora molto alta, per di più alla vigilia dell’arrivo dei primi profughi degli oltre 500 stabiliti dalle quote UE, che dovrebbero giungere fra questo inverno e la prossima primavera in Lettonia.

Un gruppo di deputati della Saeima lettone, insieme ad altri deputati del consiglio comunale di Riga hanno messo insieme una squadra per sfidare in una partita di calcio i ragazzi ospiti del centro di accoglienza di Mucenieki. Un modo per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema e dimostrare come sia possibile, anche partendo dalle piccole cose, stabilire contatti e forme di integrazione con gli stranieri che giungono nel paese baltico in cerca di asilo.

Importante anche il fatto che nella squadra dei profughi abbiano giocato, per integrarla, alcuni ragazzi lettoni del luogo.
La partita si è conclusa col risultato di 4-3 per i deputati lettoni, dopo che il primo tempo aveva visto in vantaggio la squadra di Mucenieki per 2-1.

Fra i deputati hanno partecipato all’incontro Vitālijs Orlovs, capitano della squadra, Latkovskis, Romāns Naudiņš, Rihards Eigims, Aldis Adamovičs, Mihails Zemļinskis, Artis Rasmanis, e i deputati del consiglio comunale di Riga – Olafs Pulks, Igors Kuzmuks, oltre ad altri dipendenti della Saeima.

Foto Evija Trifanova - Leta

Fra il pubblico importante la presenza di molte famiglie, bambini, sia cittadini lettoni residenti da quelle parti, che famiglie di profughi.

La gara è stata organizzata anche con il supporto della Federazione calcio lettone, che ha inviato i propri arbitri, e con la collaborazione dell’organizzazione internazionale “Sport For All”.

Foto Evija Trifanova – Leta (via Apollo.lv)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: