La Lettonia aprirà nuove ambasciate in paesi con sviluppo economico

Dopo il consolato in Albania e l’ambasciata in Sud Corea, previste nei prossimi anni aperture di nuove sedi diplomatiche, in Brasile, Singapore e Sudafrica.


Continua ad espandersi la rete diplomatica lettone. Nei prossimi anni è previsto un ulteriore aumento delle ambasciate lettoni nel mondo, in particolare in paesi che fanno registrare un positivo sviluppo economico e buone prospettive di rapporti commerciali.

Recentemente l’Austria ha deciso di chiudere le proprie ambasciate nei paesi baltici, suscitando una certa sorpresa. La motivazione è quella di ottimizzare le risorse della diplomazia austriaca e aprire sedi in paesi che possono offrire migliori prospettive commerciali.

L’ambasciata austriaca in Lettonia sarà chiusa l’estate del prossimo anno, ed al suo posto l’Austria pensa di aprire una sede diplomatica in Georgia o Bielorussia, e in altre zone di particolare interesse commerciale, come la Silicon Valley negli Usa, a Singapore e in Qatar.

Anche in Lettonia e negli altri paesi baltici si è aperto il dibattito sull’ottimizzazione delle sedi diplomatiche all’estero. Non sono previste al momento chiusure di ambasciate però, anzi semmai l’apertura di nuove ambasciate e consolati.

Di recente l’ambasciatore in Italia Artis Bērtulis, ad esempio, ha inaugurato il nuovo consolato lettone in Albania, mentre a fine anno sarà aperta l’ambasciata lettone in Sud Corea.

Nel 2013 la Lettonia ha invece chiuso l’ambasciata in Slovenia, ma nello scorso anno ha aperto sedi diplomatiche in India (dove attualmente lavorano tre diplomatici, che saliranno a quattro nei prosssimi mesi) e negli Emirati Arabi.

La tendenza è comunque per molti paesi europei quella di aprire nuove sedi diplomatiche in paesi “aperti” emergenti dal punto di vista economico e che suggeriscano prospettive di sviluppo commerciale, e che in alcuni casi si fanno preferire a sedi diplomatiche aperte in Europa in paesi che non presentano particolari relazioni economiche e commerciali.

Il ministero degli esteri lettone ha in programma l’apertura entro il 2020 di altre sedi diplomatiche, ad esempio in Brasile, Singapore e Sudafrica, ma molto dipenderà anche dalle risorse disponibili.

Le priorità della diplomazia lettone sono indirizzate in particolare verso lo sviluppo e il potenziamento delle relazioni economiche esterne, con particolare attenzione alla diversificazione dei mercati di esportazione. “Gli imprenditori lettoni, nelle loro priorità di esportazione, si sono stati gradualmente reindirizzati dai paesi membri della UE verso altri mercati di esportazione in Asia, America Latina e paesi africani”, sottolinea il portavoce del ministero degli esteri lettone Ivars Lasis.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: