100 bambini svenuti alle prove generali del concerto del “Dziesmu svētki” giovanile

Non ancora certe le cause, probabilmente stanchezza e debolezza. Le prove sono state sospese dopo un’ora. Annullata anche la marcia di oggi, ma chi vuole potrà partecipare. Confermato il concerto di chiusura di stasera.

Foto F64
Una cosa mai accaduta durante la lunghissima storia del Dziesmu svētki, il festival di canzoni e danze popolari, che è uno dei simboli della cultura e dell’identità nazionale lettone. Nella 11° edizione giovanile XI Latvijas skolu jaunatnes dziesmu un deju svētkiche si sta svolgendo questa settimana a Riga, ieri sera durante le prove del concerto di chiusura (che si terrà stasera) al Mežaparks, sono svenuti un centinaio di bambini, in mezzo alla folla di circa 15 mila partecipanti al concerto, costringendo gli organizzatori a sospendere le prove.

Non sono ancora del tutto chiare le cause degli svenimenti. Il numero così alto degli svenimenti, che sono iniziati dopo la prima ora delle prove del concerto, all’inizio ha fatto pensare a qualche intossicazione, ma la prima e più probabile ipotesi è che si tratti di stanchezza e di debolezza, dovute sia alle condizioni climatiche (in questi gioni a in Lettonia fa piuttosto freddo e piove) sia alle lunghe ore di attività a cui sono sottoposti i ragazzi in questi giorni del Festival, ed in particolare in queste giornate finali. Restare per molte ore al Mežaparks, fno a tarda sera, con temperature in questi giorni davvero poco estive, magari senza aver mangiato adeguatamente, non è facile.

Anche la difficoltà nel nutrirsi ad orari regolari e con pasti normali sembra infatti una delle cause che hanno portato agli svenimenti. Spesso per le molte attività del Festival, i ragazzi mangiano al sacco e in orari magari anche lontani fra un pasto e l’altro.

Non sono mancate le polemiche, fin da ieri sera. Molti bambini giungono a Riga in questa settimana da ogni parte del paese, insieme alle loro scuole di coro, di danza e di orchestra, con i genitori che restano a casa.
La ministro dell’istruzione Mārīte Seile ha convocato ieri sera una riunione d’emergenza con gli organizzatori, ed è stato deciso l’annullamento della marcia, che in ogni edizione del Dziesmu svētki anticipa il concerto di chiusura nel giorno finale del Festival.

Ma anche in questo caso non c’è molta chiarezza sull’annullamento della marcia. Una nota successiva degli organizzatori ha infatti stabilito che chi vorrà potrà partecipare volontariamente alla marcia che porterà i partecipanti direttamente al Mežaparks. Gli organizzatori assicureranno ai partecipanti volontari la possibilità di svolgere la marcia come previsto nel programma tradizionale.

Il concerto di chiusura di stasera è stato invece confermato. Si tratta di un evento maestoso, anche nella versione del festival giovanile, con circa quindicimila ragazzi che partecipano all’evento, quasi tredicimila cantanti, accompagnati da 900 musicisti e 500 ballerini.

One Trackback to “100 bambini svenuti alle prove generali del concerto del “Dziesmu svētki” giovanile”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: