Straordinari ritrovamenti vichinghi a Kuldīga

Si tratta della più grande scoperta di luoghi di sepoltura delle tribù scandinave in Lettonia. I resti ritrovati forniscono la prova degli insediamenti vichingi nel paese baltico.

Foto - Mārtiņš Lūsēns
Gli esperti lo considerano un evento sensazionale. Parliamo delle recenti scoperte di un insediamento vichingo a Kuldīga, nel cuore del Kurzeme, la regione occidentale della Lettonia. La scoperta dei resti vichinghi conferma infatti la forte presenza di questa popolazione in Lettonia a ridosso del primo millennio.

“A mio avviso è un evento eccezionale la scoperta di un insediamento vichingo e di un cimitero nei pressi di Kuldīga – sostiente il presidente della “Archeo” Mārtiņš Lūsēns. Questo cambia il punto di vista archeologico e storico in questa regionel, e ci offre la prova concreta che i vichinghi hanno abitato questi luoghi a lungo e ampiamente.”

Finora l’unica colonia scandinava conosciuta in Lettonia era quella di Grobiņā  nei pressi del fiume Ālande. Qui si sono ritrovate tracce dei vichinghi, che facevano supporre insediamenti scandinavi intorno al 650 – 800, finché i vichinghi non furono scacciati dai Kursi, che fino ad allora avevano vissuto insieme alle tribù scandinave colonizzatrici della regione.

I ritrovamenti di Kuldīga sono invece più recenti, e testimoniano insediamenti scandinavi dal IX alla metà del XI secolo.
Alcune tracce di insediamenti vichinghi erano state già scoperte negli anni 30 in questa zona, ma le ricerche furono incomplete e poi sospese. Le nuove ricerche hanno fatto venire alla luce importanti ritrovamenti, a partire da un cimitero, resti di cremazioni, e diversi oggetti e monili.

Lo scorso autunno in un bosco erano stati scoperti due siti di cremazioni. In uno dei luoghi sono stati ritrovati anche spille fatte con gusci di tartaruga che ritraggono altari e leoni.
Grazie ai finanziamenti del Fondo di Cultura lettone sono state avviate altre ricerche e scavi più estesi, che hanno portato alla luce ritrovamenti di altre sepolture nel cimitero vichingo. Si ritiene che questi corpi abbiano ricevuto una duplice cerimonia funeraria, prima con la cremazione in un luogo, e poi con la sepoltura nel cimitero, insieme a vari oggetti e monili in bronzo, che venivano sepolti insieme al defunto. Accanto alle sepolture sono state ritrovate anche “buche rituali”.

La vastità del cimitero scoperto fa pensare che le popolazione dell’insediamento di Kuldīga abbiano vissuto in questa regione più a lungo rispetto a quelli di Grobiņa. Dalla tipologia delle sepolture si ritiene che i vichinghi insediatisi in Lettonia provenissero dall’isola di Gottland, che si trova proprio di fronte alle coste lettoni nel mar baltico.
Gli oggetti ritrovati nelle sepolture fanno ritenere che gli uomini sepolti non fossero guerrieri morti durante guerre di conquista della regione, ma persone a lungo insediate in questi territori.

Fonte La.lv

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: