Europei di basket femminile: la Lettonia prova la rincorsa alle Olimpiadi di Rio

Nella nazionale lettone, che debutta oggi contro la Serbia, rientrano le due stelle Anete Jēkabsone-Žogota e Gunta Baško-Melnbārde. L’obiettivo è provare ad entrare nelle prime cinque.


Cominciano oggi gli Europei di basket femminile in Ungheria e Romania e la Lettonia prova a rincorrere i posti per le qualificazioni alle Olimpiadi di Rio de Janeiro con una squadra rinforzata dai ritorni in nazionale di due stelle del basket lettone, Anete Jēkabsone-Žogota e Gunta Baško-Melnbārde.

C’è innanzi tutto da far dimenticare il pessimo risultato degli Europei del 2013 in Francia, dove la Lettonia non riuscì a superare il primo turno. Gli Europei hanno visto del resto spesso la Lettonia giocare da protagonista, sesta nel 2005 in Turchia, quarta nel 2007 in Italia (risultato che fruttò la qualificazione alle Olimpiadi di Pechino) e settima nel 2011 quando il torneo si disputò in casa lettone.

Le ragazze di Ainars Zvirgzdiņš sperano dunque di farsi strada in un torne pieno di insidie. A cominciare dal girone della prima fase, in cui le lettoni dovranno vedersela con quadre del calibro di Russia, Serbia e Croazia. Non sarà per niente facile centrare la qualificazione al turno successivo: la Russia viene dalla grande delusione degli Europei del 2013 e farà di tutto per riscattarsi, mentre la Serbia è considerata una delle favorite del torneo, dietro agli squadroni Francia e Spagna.

La vincitrice del torneo staccherà direttamente il biglietto per le Olimpiadi di Rio, mentre le squadre che si piazzeranno dal 2° al 5° posto potranno disputare il torneo di qualificazione olimpica.
Nella decisione delle due veterane e stelle del basket lettone,  Anete Jēkabsone-Žogota e Gunta Baško-Melnbārde di tornare in nazionale ha pesato proprio la prospettiva di lottare per qualificarsi alle Olimpiadi, ultimo grande traguardo per le due giocatrici.

Anete Jēkabsone-Žogota dopo una lunga e straordinaria carriera negli Stati Uniti, dove ha vinto anche un titolo, attualmente gioca nella squadra russa della Dinamo Kursk, ma vede nella nazionale lettone e nella qualificazione a Rio l’ultimo vero grande obiettivo della sua carriera.

Lo stesso si può dire della più veterana di tutte, Gunta Baško, la giocatrice che vanta il maggior numero di presenze in nazionale, 162, e che è stata spesso una delle trascinatrici della nazionale lettone fino alla sua decisione di abbandonare la nazionale alcuni anni fa.

Per il resto la squadra di Zvirgzdiņš si presenta come un buon mix di esperienza e gioventù. Accanto alla trentacinquenne Baško-Melnbārde nel roster lettone troviamo anche Kitja Laska, che ha compiuto diciannove anni lo scorso maggio.
L’età media della nazionale lettone è di 26 anni.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: