Tre lettoni tra le vittime del peschereccio affondato in Kamchatka

La nave russa che è affondata giovedì scorso al largo delle coste della penisola della Kamchatka, nel mare di Okhotsk, ha portato con sé anche tre marinai di nazionalità lettone.

Foto: mhcs.gov.ru

Foto: mhcs.gov.ru

Di 132 membri dell’equipaggio, 56 sono morti e, di questi, 13 devono ancora essere recuperati. Tra le vittime del naufragio il comandante della nave e tre marinai lettoni, due dei quali ancora dispersi.

Il naufragio ha avuto luogo con una rapidità disarmante: sembra la nave si sia inabissata nel giro di un quarto d’ora, senza neppure lanciare un sos. L’avaria si è verificata attorno alle 6.15 del mattino (ora locale), ancora non chiare le cause.

Secondo la protezione civile locale una possibile causa sarebbe la collisione con un iceberg, che avrebbe causato una falla e l’affondamento del vascello; in alternativa, la nave potrebbe essersi rovesciata nel corso di un’operazione di recupero di una rete a strascico particolarmente pesante mente un’altra rete veniva gettata in acqua.

Tra i membri dell’equipaggio, oltre ai russi, 42 Birmani, 3 lettoni, 4 ucraini e 5 cittadini dell’arcipelago di Vanuatu.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: