Jānis Joņevs con il suo romanzo d’esordio “Jelgava 94” ottiene il premio della UE per la letteratura

Il giovane scrittore lettone aveva già conquistato il Literatūras balva per il miglior debutto letterario. Nel 2011 il premio della UE era andato ad un’altra scrittrice lettone, Inga Žolude con “Mierinājums Ādama kokam”.

img_2971_m
Il romanzo d’esordio “Jelgava 94” dello scrittore lettone Jānis Joņevs ha vinto il premio per la letteratura dell’Unione Europea. Un riconoscimento molto importante per uno dei libri più interessanti editi in Lettonia negli ultimi mesi, e che ha già vinto in patria il prestigioso premio delle Literatūras balvas come migliore debutto letterario del 2013.
In passato solo in un’altra occasione il premio era andato ad un autore lettone: nel 2011 lo ha ottenuto Inga Žolude  con la raccolta di racconti “Mierinājums Ādama kokam”.

Oltre a Joņevs hanno ottenuto il premio della Ue per la letteratura quest’anno anche altri dodici autori: Ben Blushi (Albania), Milen Ruskov (Bulgaria), Jan Němec (Rep. Ceca), Makis Tsitas (Grecia), Oddný Eir (Islanda), Armin Öhri (Liechtenstein), Pierre J. Mejlak (Malta), Ognjen Spahić (Montenegro), Marente de Moor (Paesi bassi), Uglješa Šajtinac (Serbia), Birgül Oğuz (Turchia) and Evie Wyld (Regno Unito).
I premi sono stati assegnati durante la fiera del libro di Francoforte.

Il romanzo di Joņevs “Jelgava 94” ambientato nella città dello Zemgale, racconta la vita, la cultura alternativa e la ricerca di se stessi di un gruppo di adolescenti nella Lettonia a metà degli anni novanta.
Il premio per ogni autore è di 5000 euro e la possibilità di accedere a finanziamenti per gli editori stranieri che intendano pubblicarne la traduzione in altre lingue europee.

Grande soddisfazione è stata espressa anche dal ministro della cultura Dace Melbārde, per la quale il premio per la letterature della UE non è solo un riconoscimento alle qualità di Joņevs ma anche un riconoscimento per la Lettonia e la sua letteratura.

“Questo non è solo un onore e un premio in denaro per l’autore – afferma la Melbārde – ma comprende anche la possibilità concreta che l’opera sia tradotta in diverse altre lingue europee”.

Il progetto dell’Unione Europea è infatto indirizzato a sostenere i nuovi autori dei vari paesi europei e di aiutare la diffusione delle loro opere al di fuori dei confini della propria nazione e della propria lingua.

La Melbārde ha anche sottolineato che per la diffusione e la conoscenza della letteratura lettone oltre ai propri confini sono necessarie buone traduzioni, questione particolarmente attuale in vista del London Book Fair del 2018, in cui i paesi baltici avranno lo status di ospiti dell’evento, con la possibilità di traduzione in inglese di circa 100 opere, lettoni, estoni, lituane, sia classiche che contemporanee. “Il premio della UE può diventare un grande stimolo verso questa direzione” afferma la ministro della cultura.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: