Posts tagged ‘costituzione Lettonia’

20 giugno 2014

La Saeima approva definitivamente il “Preambolo” alla Costituzione lettone

Dopo una lunga discussione nel paese, durata un anno, il parlamento ha dato il via libera al testo di introduzione della Carta lettone, che riafferma i principi basilari su cui si riconosce lo stato e il popolo lettone.

Foto F64
Dopo una discussione durata a lungo, sia nelle sedi istituzionali che nella società lettone, la Saeima ha approvato in terza e definitiva lettura il preambolo alla Costituzione lettone, che entrerà in vigore non appena il presidente Bērziņš l’avrà promulgato.

24 ottobre 2013

Māra Zālīte: “Il preambolo alla costituzione sarà il nostro biglietto da visita”

Continua nel paese il dibattito sul preambolo da inserire nella Carta costituzionale lettone. Ieri diversi esperti e intellettuali ne hanno parlato in tv a Sastrēgumstunda

Foto: Ieva Čīka, LETA
“Il preambolo alla Costituzione lettone sarà la carta da visita del nostro paese”, questa l’opinione della poetessa Māra Zālīte, su uno dei temi al centro dell’attenzione in questi mesi della politica e della società lettone.

30 settembre 2013

Alla ricerca di un preambolo per la Costituzione lettone

E’ stata pubblicata una bozza del testo preparata da Egils Levits, giudice lettone della Corte di Giustizia della UE. Ed il confronto fra partiti, costituzionalisti e politologi è già partito


La Costituzione lettone è una delle poche in Europa a non avere un preambolo. Adesso, quando si avvicina l’anniversario dei cento anni dalla nascita della prima Lettonia indipendente e a 91 anni dalla nascita della costituzione (entrata in vigore nel 1922) anche la Carta fondamentale lettone prova a darsi un suo preambolo.

9 febbraio 2012

Āboltiņa: “Scrivere una nuova Costituzione non è la priorità del paese adesso”

La speaker della Saeima boccia la proposta del presidente lettone Bērziņš. La Carta lettone celebra in questi giorni i suoi 90 anni.


Non trova il sostegno della presidente della Saeima Solvita Āboltiņa la proposta del presidente lettone Andris Bērziņš di riscrivere la costituzione entro la fine di questa legislatura.

8 febbraio 2012

Per presidente Bērziņš è tempo che la Lettonia si doti di una nuova Costituzione

Il capo di stato lettone pronto ad avviare il processo di riscrittura della Costituzione già prima della fine di questa legislatura.


Il presidente lettone Andris Bērziņš si è detto pronto a dare impulso ad una nuova scrittura della Costituzione lettone. E’ lo stesso capo di stato lettone ad averlo dichiarato in un’intervista a Diena.

14 luglio 2011

ZRP presenterà modifiche alla costituzione per ampliare i poteri presidenziali

Il nuovo partito di Zatlers, ZRP (Zatlera Reformu Partija),  proporrà una serie di riforme costituzionali per aumentare i poteri del presidente della repubblica, modifiche che già aveva presentato alla Saeima durante il suo mandato presidenziale.

14 aprile 2011

Zatlers sospende la legge sulle limitazioni alle indennità di maternità e disoccupazione, in vista della raccolta di firme per il referendum

Il presidente lettone Valdis Zatlers ha sospeso per due mesi la legge che prolunga fino al 2014 le limitazioni ai sostegni sociali in materia di malattia, maternità, congedi parentali e assegni di disoccupazione.
La sospensione della promulgazione della legge è una decisione conseguente alla presentazione da parte dell’opposizione parlamentare al governo Dombrovskis di 37 firme per promuovere un referendum contro tale norma.
La costituzione lettone prevede che nel caso di una raccolta di firme superiore a un terzo del parlamento (quindi almeno 34 firme) una legge possa essere sottoposta ad un referendum popolare, se nei due mesi successivi verranno raccolte un decimo delle firme del corpo elettorale (circa 153 mila firme).

La legge che limita le indennità di maternità e di disoccupazione e i congedi parentali era stata prolungata fino alla fine del 2014 dal governo Dombrovskis nel quadro delle misure di consolidamento di bilancio dopo la grave crisi economica che ha colpito la Lettonia nel 2009.

Le opposizione adesso hanno due mesi di tempo per raccogliere le 153 mila firme necessarie per sottoporre la legge ad un referendum popolare. In caso contrario la legge dovrà essere promulgata dal presidente della repubblica.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 367 follower