Archive for gennaio 20th, 2012

20 gennaio 2012

Vienotiba e NA invitano gli elettori a partecipare al referendum sul russo e a votare no

Dopo la decisione della Corte Costituzionale di non sospendere il referendum i due partiti chiamano alla difesa della lingua lettone come unica lingua ufficiale.


Vienotiba e NA, che attraverso i propri deputati, avevano chiesto alla Corte Costituzionale di pronunciarsi sulla legittimità del referendum sul russo e nel frattempo sospenderne l’organizzazione, dopo la decisione della Corte di non sospendere il referendum hanno chiesto una forte risposta da parte dell’elettorato contro il russo lingua ufficiale in Lettonia.

20 gennaio 2012

La Corte Costituzionale lettone non sospende il referendum sul russo lingua ufficiale

Ammessa la pronuncia di legittimità che però giungerà dopo lo svolgimento del referendum, che resta fissato per il 18 febbraio.


I tre giudici della Corte Costituzione lettone incaricati di giudicare l’ammissibilità del ricorso di 30 deputati sull’illegittimità costituzionale del referendum per il russo lingua ufficiale in Lettonia, hanno accolto la domanda, ma hanno deciso di non sospendere l’organizzazione del referendum.

20 gennaio 2012

Bērziņš al lavoro coi partiti lettoni per le larghe intese sulle questioni europee

Potrebbe essere necessaria una maggioranza di due terzi per modifiche al trattato di Lisbona o per altre deleghe di sovranità nazionale


Il presidente lettone Andris Bērziņš sta cercando in ogni modo di spingere i partiti lettoni, sia di governo che di opposizione, ad un accordo di larghe intese che consenta al parlamento di presentare una larga maggioranza nelle prossime votazioni che interesseranno le questioni europee.

20 gennaio 2012

Latkovskis: “In Lettonia gli effetti della II guerra mondiale non sono ancora conclusi”

Il presidente della Commissione di coesione pubblica spiega a Neatkarīga perché lettoni e russofoni hanno ancora problemi identitari


Per Ilmārs Latkovskis, presidente della Commissione di coesione pubblica, in Lettonia non si sono ancora conclusi gli effetti della seconda guerra mondiale.

20 gennaio 2012

Il parlamento lettone dà il via libera alle leggi di iniziativa popolare

Ci vorranno 10 mila firme per presentare una proposta di legge alla Saeima. E le massime cariche dello stato saranno elette a scrutinio palese.


Il parlamento lettone ha varato importanti leggi per la regolamentazione della legge di iniziativa popolare e per la trasparenza nelle votazioni per la nomina delle principali cariche istituzionali.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 346 follower