Archive for febbraio 25th, 2011

25 febbraio 2011

Nelle foreste lettoni un tesoro di funghi che vale 50 milioni di euro all’anno


Valgono qualcosa come 35 milioni di lats (circa 50 milioni di euro) all’anno i funghi che nascono nelle foreste lettoni. E’ quanto calcola il direttore del Dipartimento per le foreste del ministero delle politiche agricole e forestali Arvīds Ozols, durante una conferenza sullo sviluppo delle politiche forestali nei venti anni di indipendenza della Lettonia.

Cercare funghi è una delle attività più popolari in Lettonia, e per molte famiglie diventa una fonte di reddito importante.
Nel complesso si calcola che i prodotti delle foreste lettoni, esclusa la produzione di legname, frutti circa 70 milioni di lats all’anno, dei quali appunto la metà viene dalla vendita dei funghi.
Fra gli altri prodotti della foresta, circa 16 milioni di lats provengono dalla vendita di altri prodotti vegetali, 4,5 milioni dalla selvaggina, 3 milioni dagli alberi di natale, 17 milioni da frutti, bacche e noci.
Nella conferenza sulle politiche forestali degli ultimi venti anni, si è sottolineata l’importanza cruciale delle risorse delle foreste lettoni e dei suoi prodotti sul versante economico, ricchezza che deve essere protetta ed amministrata con lungimiranza, per non disperdere un valore ambientale, turistico ed economico fondamentale per il paese.

(Fonte Diena.lv)

25 febbraio 2011

Dukurs chiude una stagione trionfale con la medaglia più importante. Oro ai mondiali di Königsee

Dopo il titolo europeo e la Coppa del Mondo lo skeletonista lettone si laurea campione del mondo.
Nel weekend grande attesa per il Bob a 4, e per la Dinamo Riga che all’Arena di casa ospita la Dinamo Mosca in gara 3 e gara 4


Skeleton - Martins Dukurs corona la sua trionfale stagione e dopo la vittoria della Coppa del Mondo e il titolo di campione europeo, si aggiudica la medaglia d’oro anche nei campionati mondiali, in svolgimento a Königsee in Germania.

Il lettone ha condotto fin dalle prime due manches di ieri, vincendole entrambe, e ripetendosi nelle ultime due manches di questa mattina. Al secondo posto si è piazzato il russo Tretjakov, con 1, 74 secondi di distacco, mentre il tedesco Rommel, medaglia di bronzo, è finito con 1,98 di distacco da Dukurs.
L’altro Dukurs, il fratello Tomašs, ha concluso al non posto in classifica.
Sabato e domenica, sempre nella pista di Königsee sono in programma le discese per il campionato del mondo di Bob a quattro. La Lettonia con l’equipaggio guidato da Maskalans punta al podio.

Hockey ghiaccio – Una parziale delusione per i colori lettoni viene invece dai play-off della KHL. Nella seconda gara esterna a Mosca, la Dinamo Riga ha perso per 8-4 contro i rivali della Dinamo Mosca. Si va dunque sull’1-1. Nel weekend in programma gara3 e gara4 all’Arena Riga. Per la squadra di Supler un occasione importante per riscattare la sconfitta di ieri e fare un passo decisivo verso le semifinali di conference.

25 febbraio 2011

L’età pensionabile in Lettonia destinata ad alzarsi fino ai 70 anni


Nel valutare la sostenibilità sociale del sistema pensionistico, anche sulla base del calo demografico e dell’aumento delle persone in età pensionabile, è probabile che nei prossimi anni il limite di età a cui si potrà accedere alla pensione in Lettonia sarà di 70 anni.

E’ quanto è emerso dal dibattito organizzato dal sito web Nozare.lv che ha visto discutere dei problemi legati alla sostenibilità del sistema pensionistico lettone il ministro delle Finanze Andris Vilks, il dirigente della DnB Nord bankas” Pēteris Strautiņš e il sottosegretario al Welfare Ingus Alliks.
Il governo ha previsto a partire dal 2016 un progressivo innalzamento della pensione, di 6 mesi per ogni anno, e il contemporaneo blocco dei prepensionamenti.
Strautiņš prevede che le persone che oggi hanno trenta, quaranta anni, e sono inserite nel sistema lavorativo lettone, andranno in pensione non prima del compimento del 70° anno di età. Ma la soluzione dell’allungamento dell’età pensionabile, secondo Strautiņš è uno strumento che darà i suoi frutti nel lungo periodo, e dunque è necessario che il governo metta in atto provvedimenti che incidano anche nel breve periodo.
Secondo il ministro delle Finanze Vilks i pensionati lettoni devono aver chiaro che non possono attendersi un livello di vita paragonabile a quello dei pensionati di altri paesi occidentali, che si possono permettere di andare all’estero un paio di volte all’anno.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 348 follower